PROGETTI SPERIMENTALI

L’anzianità è un concetto che ha subito negli ultimi dieci anni profondi cambiamenti. Da una visione che considera l’uomo dopo i 65 anni una persona priva di impegni e di responsabilità, che percorre, nel migliore dei modi, le ultime fasi dell’esistenza, si è passati ad una concezione che considera l’anziano una persona che può svolgere un ruolo significativo dal punto di vista sociale e culturale.

Riprendendo un’espressione suggestiva si può affermare che si è passati dalla “cultura del purtroppo” alla “cultura del finalmente” (… “finalmente abbiamo tempo” … ).

In questo ordine di idee si affaccia l’esigenza di garantire una rete relazionale che sappia conferire alla persona in età sentimenti di autostima e di benessere personale.

Molte ricerche attestano al riguardo come tale condizione sia fortemente correlata con l’esigenza di allungare, il più a lungo possibile, la permanenza presso il proprio domicilio.

Il fenomeno dello spopolamento delle regioni periferiche, in modo particolare delle valli dell’Arco alpino ha accentuato il problema di molte persone anziane che sono rimaste nel loro villaggio d’origine senza più poter usufruire di un supporto sociale legato alla vicinanza di luoghi d’incontro e di socializzazione (negozietto, posta, osteria, ecc.).

In molti casi i villaggi, che un tempo hanno conosciuto una vita sociale molto intensa, sono oggi abitati da persone in età fortemente legate al luogo d’origine, ma che, al tempo stesso, rischiano di cadere in un vortice di solitudine.

Il LISS, nel corso degli ultimi anni, ha sviluppato e implementato progetti che, grazie ad approci innovativi e multidisciplinari, hanno cercato di rilevare e di consolidare la rete di contatti delle persone anziane attraverso la presenza e il sostegno di volontari formati, chiamati tutor di comunità. In questo approccio il tutor è in grado di proporre soluzioni in cui l’implementazione di tecnologie della comunicazione e del monitoraggio a distanza possono rispondere a particolari esigenze.

Tra questi citiamo:

  • progetto Interreg “Sostegno alle persone anziane e vulnerabili mediante l’adozione di soluzioni innovative” – Val d’Aosta/Valle Maggia 2013-2015;
  • progetto Intergenerazionalità in presenza e a distanza” – Morbio/Valle di Muggio 2016-2017;
  • progetto Essere e comunicare nell’anzianità – Valle Maggia/Centovalli/Valle Onsernone/Terre di Pedemonte, 2016-2018;
  • progetto Interreg “WelComTech: un welfare comunitario e tecnologico per la popolazione anziana vulnerabile”Provincia Verbano Cusio Ossola/Valle di Muggio 2018-2020.

Parallelamente a quest’ultimo progetto il LISS, su mandato del Consiglio svizzero degli anziani e in collaborazione con l’Ufficio cantonale di statistica ha condotto la ricerca “Presenza e distanza in regioni periferiche”.

SEZIONI PROGETTI SPERIMENTALI:

I tutor di comunità

FORMAZIONE

SCOPRI
Sistemi di monitoraggio

TECNOLOGIE

SCOPRI